Oceano Web

Lingua

Italian English French German Portuguese Spanish

BREVI CONSIDERAZIONI PERSONALI INTORNO AL   SOGNO DEL MIGRANTE

La SIPs Società Italiana di Psicologia, nata nel 1910, è certamente la più antica e probabilmente la maggiore società scientifica di psicologia in Italia che raccoglie al proprio interno psicologi di diverse estrazioni. La storia della SIPs in buona parte coincide con la storia della stessa psicologia in Italia, che la Società Italiana di Psicologia tuttora rappresenta nel mondo attraverso le maggiori organizzazioni internazionali. Questa Rivista Oceanoweb, di Psicologia e non solo, è la prosecuzione ideale della Rivista di Psicologia fondata e diretta nel 1910 da Giulio Cesare Ferrari e in seguito chiamata Psicologia Italiana e diretta da Enzo Spaltro.

I disturbi della personalità sono delle patologie del funzionamento psichico che colpiscono in modo particolare l’area delle relazioni interpersonali, del comportamento e della impulsività, caratterizzate di essere “al limite” tra le psicosi e le nevrosi, e di avere come caratteristica comune la “patologia del limite”. Può anche essere definito come un modello costante di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente dalle aspettative di cultura dell’individuo.

di Stefano Covello
L’informazione, anche quando è portatrice di alti contenuti scientifici e culturali, è un oceano di forze in continuo movimento, che armonicamente si contrastano e sostengono l’una con l’altra, assicurando vitalità al mondo del sapere.

Sinossi dello spettacolo
Le lucciole sono esseri che splendono di luce propria, nel buio. Sono magiche e preziose, ma molto fragili e piccolissime, tant'è che serve un clima adatto, l'aria calda dell'estate e senza smog affinché possano vivere. Greta è una "lucciola umana" spiantata da una bosco toscano e sopravvivente a Roma, dove cerca il suo habitat nonostante lo smog, il traffico e un cinismo dilagante che oscura giorno per giorno le già poche lucciole rimaste.

di Federica Bassetti

Utilizzata come strumento di ricerca e di ascolto a teatro da circa tre anni, La nascita della tragedia, prima opera di F. Nietzsche, rivela e mette e nudo la scoperta del dionisiaco nell'uomo e ne assapora pagina dopo pagina la presenza, negata e nascosta a più riprese nel corso della Storia collettiva e individuale. Individuando nella messa in scena della tragedia, una reale possibilità rigeneratrice per la popolazione greca che riceveva proprio a teatro il dono del passaggio, al di là degli steccati sociali, civili e personali, e la consolazione metafisica del ritorno alla stato naturale che nessun uomo può rivivere ma solo immaginare, Nietzsche esalta la presenza proprio sul palco tragico di due forze, due principi che vanno a braccetto in nome e per la  forza della musica, che è voce dell'Universo.

Sogno ad occhi aperti che si trasforma in incubo
Andare
Prima era la nave. I nonni.
L’aereo adesso mostro alato che sospende
Desideri sogni fatiche
E il dolore non ha tinta
Limbo inutile e poi

En esa tarde de otoño, los ojos cerrados, a través de la tibieza del ventanal, las  fragancias pampeanas parecían a María sales marinas. El viento ensordecedor confundía en sus oídos eucaliptos con olas y chimangos con gaviot